Log In

La Chimica:

insegnare a impararla imparare a insegnarla

Loading...
logo
logo
logo

docenti

Percorsi Didattici

CnS-la-chimica-nella-scuola-logo
comunicare la chimica

I quattro articoli divulgativi di impronta didattica di Silvia Barra costituiscono, insieme all’introduzione redazionale che li precede, un corpo unico di particolare valore e di insospettabile rarità, utilizzabile nell’ambito di un programma finalizzato all’acquisizione di competenze scientifiche traversali in studenti della scuola secondaria di I e II grado.
In particolare, si richiama il ruolo delle dinamiche di proposizione-revisione paritaria-pubblicazione-successiva ricerca bibliografica sia nella trasmissione culturale di tipo puntuale, aggiornato e specialistico (quindi ben diversa, o meglio “successiva” a quella di tipo formativo), sia nell’ufficializzazione dei risultati della ricerca, con tutte le implicazioni di paternità autoriale e legali che ne possono derivare.

 

vecchi faldoni da archivio scientifico1.   Dalla pubblicazione alla ricerca bibliografica: il fondamento della continuatività nella ricerca scientifica

Un “redazionale” che svolge una funzione introduttiva ai successivi quattro articoli, richiamando l’attenzione del lettore sull’importanza cruciale svolta dalla letteratura scientifica nella trasmissione del sapere più aggiornato.  Pubblicazione e ricerca bibliografica sono in fondo i due lati di una stessa medaglia, un meccanismo ormai ben consolidato che ha permesso all’umanità di alimentare quell’impennata di scoperte e di sapere che hanno caratterizzato gli ultimi due secoli di storia.   Un doveroso richiamo alla realtà dei fatti, in questi anni dove convivono ancora il vecchio ricordo romantico dello scienziato isolato che lavora nel segreto ed il diffondersi di argomentazioni fantasiose da parte di sedicenti scopritori di meraviglie che, puntualmente, si dimostrano ingenui tradimenti delle più basilari regole del gioco.

 

processo di ricerca scientifica2.   Peer-review: un semaforo per le pubblicazioni scientifiche

Peer-review è traducibile in italiano con “revisione dei pari” o “paritaria”.  Consiste nella revisione di un lavoro scientifico, prima della pubblicazione, da parte di esperti della materia trattata nell’articolo esterni al gruppo di lavoro. Questa revisione ha lo scopo di controllare la qualità, la correttezza e la bontà degli studi riportati in un articolo scientifico prima che questo venga pubblicato su una rivista.   In questo primo articolo sono affrontati la storia e l’evoluzione di questo meccanismo, insieme ad una spiegazione essenziale del suo funzionamento.

 

revisione di un articolo scientifico3.   Peer-review: ecco chi è il revisore

Quali criteri segue (o dovrebbe seguire) il Revisore nel giudicare se un articolo a lui sottoposto è meritevole di pubblicazione, potrebbe esserlo previa correzione/modifica da parte dell’Autore, o se invece si tratta di un lavoro da respingere in toto?   E’ opportuno che il Revisore conosca il nome e la carriera scientifica dell’Autore?   E come riesce a sorreggersi una pratica che, oltre a richiedere il reperimento da parte dell’Editore dei massimi esperti in settori a volte molto specifici, viene da questi svolta in modo del tutto gratuito?

 

pro e contro4.   Pro e contro della peer-review

Il meccanismo della revisione paritaria non è in realtà un dogma assoluto, nel senso che non tutte le riviste la utilizzano nello stesso modo ed è comunque oggetto di continua considerazione e di migliorie da parte della stessa comunità scientifica.   Sovente attaccata nell’era di internet soprattutto per la sua lentezza, e dai seguaci delle teorie più borderline per la soggettività dei suoi criteri, la peer-review resta comunque il processo nel quale tanto i ricercatori quanto gli editori ancora credono.

 

5.   valutazione delle pubblicazioni scientificheLa bibliometria e gli indici di valutazione di riviste e ricercatori

Gli indici bibliometrici (quali l’Impact Factor e l’Indice di Hirsch) sono degli algoritmi matematici che si applicano alla rivista scientifica o ai suoi autori.  Più elevato è il numero delle citazioni ricevute da una pubblicazione, maggiore è il numero di autori che hanno utilizzato nel loro lavoro il contenuto della pubblicazione in oggetto, quindi maggiore è l’impatto di questa pubblicazione sulla comunità accademica.   

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Partner

baobab
associazione noprofit per la ricerca didattica d’aula e la formazione degli insegnanti
didatticare
didattica laboratoriale per scuola secondaria di I grado
gruppo-facebook-didattica-chimica
divulgazione_chimica