La Chimica: insegnare a impararla imparare a insegnarla

logo



DOCENTI

Come fanno gli scienziati a trasmettere le loro scoperte?

I quattro articoli divulgativi di impronta didattica di Silvia Barra costituiscono, insieme all’introduzione redazionale che li precede, un corpo unico di particolare valore e di insospettabile rarità, utilizzabile nell’ambito di un programma finalizzato all’acquisizione di competenze scientifiche traversali in studenti della scuola secondaria di I e II grado.
In particolare, si richiama il ruolo delle dinamiche di proposizione-revisione paritaria-pubblicazione-successiva ricerca bibliografica sia nella trasmissione culturale di tipo puntuale, aggiornato e specialistico (quindi ben diversa, o meglio “successiva” a quella di tipo formativo), sia nell’ufficializzazione dei risultati della ricerca, con tutte le implicazioni di paternità autoriale e legali che ne possono derivare.

Continua...

Scuola Permanente per l’Aggiornamento degli Insegnanti di Scienze Sperimentali (SPAIS)

“ Quali conoscenze di base per comprendere l’innovazione? ”

La Scuola Permanente per l’Aggiornamento degli Insegnanti di Scienze Sperimentali (SPAIS), congiuntamente promossa dalle associazioni disciplinari di scienze AIC, AIF, ANISN e DD-SCI in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale della Sicilia, è una Scuola estiva residenziale rivolta a docenti di discipline scientifiche della Scuola Secondaria. Si svolge annualmente in località diverse del territorio siciliano su tematiche particolarmente stimolanti e innovative tratte dal mondo della ricerca.
Si tratta di un’iniziativa unica nel suo genere a livello nazionale, a cui contribuiscono, tenendo lezioni, seminari e/o esercitazioni, in un contesto marcatamente interdisciplinare, autorevoli personalità del mondo della ricerca accademica e industriale, esperti del settore specifico, di diverse formazioni disciplinari che, compatibilmente con la tematica prescelta, abbracciano tutte le Scienze sperimentali e provengono da sedi universitarie e centri di ricerca nazionali.

Continua...

Scuola di Ricerca Educativa e Didattica della Chimica “Ulderico Segre”

Società Chimica Italiana - logoIniziata nel 2009 a Camerino, la Scuola di Ricerca Educativa e Didattica della Chimica “Ulderico Segre” è ormai un’iniziativa consolidata fra le proposte formative della Divisione di Didattica della Società Chimica Italiana. Si rivolge principalmente a giovani universitari perseguendo i seguenti obiettivi:

  • stimolare interesse nei riguardi della ricerca educativa come strumento per la soluzione di problemi didattici sempre più diffusi e condizionanti;
  • sensibilizzare i docenti, attuali e futuri, alle problematiche connesse con il processo di insegnamento/apprendimento della Chimica nella scuola e nell’università;
  • proporre strategie didattiche fondate sul coinvolgimento dello studente come soggetto attivo e dialogante;
  • offrire ai giovani docenti universitari la possibilità di confrontarsi tra loro e con docenti più esperti.
Continua...

Il concetto di sistema nella didattica

Cari colleghi insegnanti,

questo post è un po’ diverso dagli altri: non vi presento un particolare argomento, ma chiedo la vostra collaborazione per una ricerca di cui renderò noti i risultati acamerino tempo debito. Sto svolgendo il dottorato di ricerca in “didattica della chimica” presso la School of Advanced Studies dell’Università di Camerino. Il mio supervisore di tesi è il prof. Fabio Marchetti, docente di Chimica Generale ed Inorganica.

Uno degli obiettivi della mia ricerca è l’ampliamento dell’uso del concetto di sistema nell’insegnamento. Parte fondamentale della ricerca è la rilevazione a livello nazionale dell’utilizzo di tale concetto nella pratica didattica dei docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado delle classi di concorso tecnico-scientifiche e delle aree pedagogico-filosofica e giuridico-economica (principalmente A012, A013, A017, A019, A020, A033, A034, A035, A036, A037, A038, A042, A049, A057, A058, A059, A060 e altre che il docente vorrà indicare nel questionario).

Continua...

Interdisciplinarietà nell’insegnamento della chimica

Lavoro interdisciplinareMolte sono le definizioni dell’approccio interdisciplinare nella didattica; una di queste è “la capacità di integrare contenuti e modi di pensare propri di due o più discipline al fine di rispondere ad una domanda, risolvere un problema o affrontare un argomento che non è possibile trattare usando gli strumenti di un’unica disciplina”. Nella ricerca scientifica è ormai assodata l’importanza della commistione di più discipline , senza la quale intere aree di studio come le bio- e le nano- tecnologie semplicemente non esisterebbero; al contrario, nell’insegnamento l’interdisciplinarietà stenta ad affermarsi per varie ragioni. Una di queste è dettata dal semplice buon senso: prima di svolgere un lavoro di integrazione bisogna sapere cosa integrare; dunque occorre prima apprendere, almeno fino a un certo livello, i fondamenti delle singole discipline per poi amalgamarle nell’affrontare un argomento più o meno complesso.

Continua...



PARTNER

 

baobab

associazione noprofit per la ricerca didattica d’aula e la formazione degli insegnanti
didatticare
didattica laboratoriale per scuola secondaria di I grado
gruppo-facebook-didattica-chimica
divulgazione_chimica